[Trip Report] La splendida cornice poetica di Charleville-Mézières, la città di Arthur Rimbaud

Nel verde cuore delle Ardenne si trova la città natale del poeta maledetto, e il Premio Rimbaud diventa un’ottima occasione per visitarla…

Charleville01

Immagine creata su http://www.gcmap.com

Questo Trip Report ha ottenuto uno speciale riconoscimento in occasione della cerimonia finale del Premio Internazionale di Poesia “Arthur Rimbaud”, tenutasi a Morano Calabro (CS) il 26 settembre 2015. L’autore, infatti, ha ottenuto il Premio Speciale “Reporter” per il servizio dedicato alla città natale del poeta maledetto.

La Calabria ospiterà, per la prima volta, un concorso letterario internazionale dedicato ad Arthur Rimbaud, il poeta maledetto delle Ardenne francesi. Dato che partecipo a questo concorso letterario, mi è sembrato il caso – compatibilmente con gli impegni vari – di fare una rapidissima scampagnata alle Ardenne per visitare gli stessi luoghi che hanno plasmato la mente del poeta.

Arrivare a Charleville-Mézières, la città natale di Rimbaud, non è proprio semplicissimo per chi parte dall’Italia e soprattutto per chi parte dal Mezzogiorno. Escludendo a priori uno spostamento esclusivamente via terra, bisogna optare per una combinazione di aereo e treno. I taxi non sono necessari, e sono anche dannatamente costosi.

A sorpresa, l’aeroporto apparentemente più conveniente è Charleroi, che però non ha ottimi collegamenti via terra con la zona di interesse e non è servito giornalmente da Lamezia Terme. Alla fine si opta per la solita Alitalia, l’unica ad offrire prosecuzioni strategiche dalla Calabria, e l’aeroporto di destinazione scelto è lo scalo Charles de Gaulle di ParigiRoissy. Una volta arrivato lì, dato che i taxi sono impraticabili e non è proprio il caso di noleggiare una macchina, basta prendere un treno TGV dal Terminal 2 di Charles de Gaulle, fare il cambio a Champagne-Ardenne e poi dirigersi verso Charleville.

Charleville03

Le soluzioni via terra offerte da Google Maps, treni esclusi, con i tempi stimati di percorrenza.

Inutile dire che un ringraziamento particolare va al presidente del comitato del Premio Rimbaud, Mario De Rosa, il quale con la sua iniziativa mi ha dato lo spunto necessario per questa esperienza.

Al ritorno il viaggio sarà un tantino più complicato, dato che farò uno scalo in più, passando per Linate. Fare uno scalo in più significa correre dei rischi aggiuntivi per quanto riguarda i bagagli in transito e le coincidenze stesse, ma non c’erano alternative convenienti per il ritorno e mi sono adeguato.

Charleville02

Immagine creata su http://www.gcmap.com

Prima della partenza da Lamezia scopro che, coincidenza, lo stesso equipaggio e lo stesso aereo del volo Lamezia-Roma avrebbero operato anche la successiva turnazione Roma-Parigi. A conferma avuta, ho deciso di offrire una colazione all’equipaggio dei miei due voli presso Il Cantagalli dell’aeroporto di Lamezia.

AZ1162

Aeroporto di origine: Lamezia Terme – Sant’Eufemia (SUF)
Aeroporto di arrivo: Roma – Fiumicino (FCO)
Distanza tra gli scali: 469km
Compagnia: Alitalia (AZ)
Aeromobile: Airbus A321
Registrazione: I-BIXS
Nome dell’aereo: Piazza San MartinoLucca
Classe: Economy (unica disponibile)
Posto: 2A (finestrino)
Gate: 01
Bagagli: No
Ora di partenza prevista: 7:00
Ora di arrivo prevista: 8:10
Ora del decollo: 7:44
Ora dell’atterraggio: 8:38
Tempo di volo: 54min

Non avendo bagagli da imbarcare, cosa che per me è rara, e avendo già fatto il check-in online, bypasso il check-in a Lamezia e vado al Cantagalli, dove incontro l’equipaggio Alitalia che mi ringrazia per l’offerta.

Il tempo di transito a Roma non è molto lungo, ma la certezza di viaggiare con lo stesso aereo e lo stesso equipaggio mi tranquillizza. Il meteo a Roma riduce le operazioni e ritarda la nostra partenza da Lamezia: decolliamo, infatti, alle 7:44 e atterriamo a Fiumicino alle 8:38.

Durante la fase di sbarco (sì, anche se l’aereo, il gate e l’equipaggio sono gli stessi, bisogna uscire dall’aereo e poi rientrare) un assistente di volo mi chiama per confermarmi che ci saranno sempre loro. Li avrei rivisti dopo neanche mezz’ora.

Per fortuna non siamo ai parcheggi remoti e, uscendo dal finger, noto che lo schermo sopra di me riporta proprio il numero del volo della mia coincidenza: AZ318 per Parigi Charles de Gaulle. Il gate è il B02.

AZ318

Aeroporto di origine: Roma – Fiumicino (FCO)
Aeroporto di arrivo: Parigi – Roissy (CDG)
Distanza tra gli scali: 1.101km
Compagnia: Alitalia (AZ)
Aeromobile: Airbus A321
Registrazione: I-BIXS
Nome dell’aereo: Piazza San MartinoLucca
Classe: Economy
Posto: 4F (finestrino)
Gate: B02
Bagagli: No
Ora di partenza prevista: 9:15
Ora di arrivo prevista: 11:30
Ora del decollo: 9:51
Ora dell’atterraggio: 11:25
Tempo di volo: 1h 34min

Sembra una scena che ha del comico, ma in realtà è proprio così che funziona. Esco dal finger e mi metto in fila allo stesso gate, nell’attesa che I-BIXS sia nuovamente pronto ad accogliere i passeggeri a bordo.

20150721_085749

Il ritardo da Lamezia per slot comporta un ritardo anche da Roma a Parigi. In fila ci sono tantissimi passeggeri canadesi, probabilmente diretti a CDG per prendere una coincidenza intercontinentale per il Canada.

20150721_085930

Guardando fuori dalla fila SkyPriority del gate B02, si vede questo: I-BIXS è lì, in attesa, e più in là si trova un aereo dell’Air Berlin, EI-DSJ, che fino a qualche giorno prima aveva la livrea Alitalia e che presto sarebbe diventato D-ABZJ. Gli accordi tra le due compagnie, voluti da Etihad, prevedono anche lo scambio interno di aeromobili.

20150721_093129

Finalmente si parte! Il comandante, del quale purtroppo non posso fare il nome ma che ringrazio tantissimo, prende una pagina del piano di volo, la firma e la fa firmare al copilota e agli altri membri dell’equipaggio.

20150721_101933

Doppio servizio catering offerto gentilmente da un assistente di volo per ringraziarmi della colazione al Cantagalli.

20150721_103538

Il volo non è brevissimo ma va che è una meraviglia. Durante la discesa finale c’era un bel po’ di nebbia, ma niente di che. Atterriamo a Parigi alle 11:25 e per arrivare al nostro parcheggio impieghiamo 12 minuti abbondanti.

20150721_114355

Benvenuti a Parigi! Saluto l’equipaggio e mi dirigo verso la stazione TGV di Charles de Gaulle, dalla quale partirà il treno superveloce per Champagne-Ardenne.

20150721_123750

Ecco il mitico TGV francese.

20150721_124440

“Prima classe, ma è uno sballo! Spremute d’arancia in bicchieri di cristallo…” [cit. Will Smith nel ruolo di Willy, il Principe di Bel Air]

20150721_124743

L’organizzazione dei treni francesi merita un plauso. Nel mio percorso di studi avevo imparato che la fitta rete ferroviaria francese, già durante la Grande Guerra, garantiva flussi interni di entità non indifferente e col tempo non ha fatto altro che migliorare. Siamo lontani anni luce dalle scene desolanti alle quali è possibile assistere nelle stazioni ferroviarie del Sud Italia.

20150721_130403

Particolare degli interni della Prima Classe del TGV.

20150721_132157

La stazione Champagne-Ardenne è un mini-hub ferroviario dell’omonima regione, a qualche kilometro dalla città di Reims.

20150721_132912

L’entrata della stazione.

20150721_133018

Mappa della regione di Champagne-Ardenne, con i suoi collegamenti ferroviari. Charleville sta a nord, quasi al confine col Belgio e alle porte delle Ardenne, campo di battaglia del famoso scontro del secondo conflitto mondiale che ha preso il suo nome proprio da questa regione.

Charleville-Mézières, Champagne-Ardenne, Francia

Città a misura d’uomo, davvero. E’ possibile spostarsi ovunque a piedi, non c’è tanto traffico e la gente, pur avendo con l’inglese un rapporto molto difficile, è cordiale.

20150721_155705

Il fatto che Arthur Rimbaud sia nato a Charleville si sente, ecco infatti cosa trovo alla reception dell’hotel subito dopo il mio arrivo.

20150721_170811

Scalo tecnico in hotel, e poi subito in giro per Charleville. Vado velocemente al museo dedicato a Rimbaud per scattare una foto da mandare alla redazione de il Lametino, dato che il numero è prossimo alla chiusura. La foto è per un articolo dedicato al Premio Rimbaud che sarebbe uscito qualche giorno dopo sul giornale del comprensorio di Lamezia.

20150721_171504 20150721_171506

Il Musée Rimbaud è circondato dal verde e dall’azzurro, un posto proprio bello.

20150721_171717

Questa è l’entrata del museo. La signora, con molta fatica, mi spiega che per le visite guidate bisogna aspettare; nessun problema, continuo il mio giro turistico promettendomi di visitare il museo non appena possibile. A due passi dal museo, la mia tappa successiva: la casa di Arthur Rimbaud, nota anche come La maison des Ailleurs.

20150721_172557

Eccoci qui, alla Maison Rimbaud. La casa è stata trasformata in un piccolo museo, complementare al Musée Rimbaud.

20150721_172923 20150721_172927 20150721_173018

Gli interni della maison sono stati curati e cambiati per offrire ai visitatori deliziosi giochi di colore.

20150721_173305

Ovviamente, non poteva mancare una piccola biblioteca dedicata all’autore.

Per volontà personale, proprio nel piccolo spazio che separa la casa di Rimbaud dall’entrata del museo, apporto le ultime modifiche ai miei due pezzi per il concorso letterario dedicato ad Arthur: una lirica a tema imposto sull’autore francese, e un racconto breve a tema libero. Ormai è fatta, una volta tornato in Italia avrei spedito entrambe le opere – da quel momento in poi congelate e non più modificabili – al comitato del premio.

20150721_173600

Lascio un messaggio sul libro degli ospiti, con un ringraziamento doveroso al presidente del comitato, e mi lascio alle spalle il museo per tornare all’hotel. La redazione mi ha inviato l’anteprima della pagina di giornale coi nostri articoli e bisogna preparare il tutto per la pubblicazione sul blog.

20150722_072909

Sembrerà strano ma tutto il lavoro fatto al computer mi tiene fermo in hotel fino alla mattina del giorno successivo. Colazione abbondante, e poi di nuovo in giro per Charleville.

20150722_102018 20150722_102134

Confermo: città non caotica e molto, molto vivibile. Peccato che per gli italiani sia praticamente sconosciuta, c’è tanto da apprendere dall’urbanistica di questo posto.

20150722_102627

 Maison de l’Ardenne, edificio con il simbolo del Rotary.

20150722_103531

Il corso principale della città che porta alla Place Ducale inizia con una statua dedicata al fondatore di Charleville, Carlo I di Gonzaga.

20150722_103601

Verso la Place Ducale. Ci sono tantissimi negozi, due dei quali portano il nome del poeta Rimbaud.

20150722_103939

Questa è la Place Ducale, il fulcro della vita di Charleville.

20150722_104142

Chi mi conosce sa che dopo aver pronunciato quelle tre parole, la quarta espressione diventa spontanea: per carité.

20150722_104344

Questo è l’ufficio locale del turismo, dove per fortuna trovo una commessa che parla un buon inglese (alleluia!). Svaligio letteralmente il negozio di souvenir, tant’è che ricevo pure un libro omaggio per essere stato un cliente “top”.

20150722_104446

Prendo questo, questo, questo, questo, questo e questo

20150722_104706

Uscito dal negozio di souvenir, non potevo non scattare una foto di questa fontana caratteristica.

20150722_104732

Anche questa giostra è molto bella.

20150722_105818

Un po’ più a est rispetto alla Place Ducale si trova l’Institut International de la Marionnette, di importanza internazionale. Charleville, infatti, oltre ad essere la città natale di Arthur Rimbaud, è riconosciuta come la Capitale delle Marionette. Tra l’Istituto e il Museo delle Ardenne, si trova il Grand Marionnettiste, che puntualmente ad ogni ora si anima per dar vita ad un brevissimo spettacolo con le marionette.

20150722_110323

Direzione: Museo delle Ardenne, che si rivela molto più grande del previsto. Quelle che seguono sono solo alcune delle tantissime foto che ho scattato lì. Una visita a questo museo è d’obbligo.

20150722_110409

Il museo ripercorre la lunga storia della regione delle Ardenne, che ne ha viste praticamente di tutti i colori. L’entrata del museo e la biglietteria hanno reperti di periodi diversi, ma una volta entrati si segue un percorso cronologico che parte dai primissimi insediamenti preistorici dei quali si hanno le tracce.

20150722_110810 20150722_110923 20150722_110930 20150722_111036 20150722_111250 20150722_111350 20150722_111402 20150722_111539 20150722_111547 20150722_111611 20150722_111709 20150722_111717 20150722_111852

 Il riferimento alla tradizione delle marionette non poteva mancare.

20150722_111926 20150722_111932 20150722_111956 20150722_112009

Modello in scala del Grand Marionnettiste, che si trova a poche decine di metri dal museo.

20150722_112017 20150722_112146 20150722_112212 20150722_112332 20150722_112338

20150722_112414 20150722_112425 20150722_112501 20150722_112709 20150722_112717 20150722_113134

Anche qui, ringraziamento al presidente sul libro degli ospiti.

20150722_115214

Ritorno al Musée Rimbaud, dove purtroppo la visita guidata non è ancora disponibile. Mi avventuro verso nord, oltre questo ponte che si trova vicino al museo e che porta all’area più verde della città.

20150722_115256 20150722_115345

Tra camper e ristoranti, questa zona della città è ancora più tranquilla del resto. Per una passeggiata, corsa o giro in bicicletta, è proprio l’ideale.

20150722_115502

Molto carino, chissà se le lancette si muovono. Non ho verificato.

20150722_122215 20150722_142207 20150722_142318

Si ritorna al Musée Rimbaud, dove la visita guidata sembra essere quasi pronta. Un po’ di attesa fuori dal museo, e poi via verso l’interno. La visita è in francese e il museo, riaperto al pubblico praticamente poco prima del mio arrivo, è ancora work in progress. La guida mi dice che per la seconda metà di ottobre 2015, i lavori saranno ultimati e il museo avrà molto più materiale da esporre, al momento custodito in alcuni depositi.

20150722_143411

Nonostante tutto, la visita al museo si rivela interessante. Certo, una brochure in inglese sarebbe stata molto utile, ma grazie ai miei – seppur limitati – studi della biografia del poeta, riesco ad associare i vari cimeli esposti alle tappe più importanti della vita del bohémien.

20150722_143423 20150722_143538 20150722_143546 20150722_144507 20150722_144819 20150722_145343 20150722_145453 20150722_145458

Bello quel busto, ne prenderò uno simile.

20150722_145530 20150722_145538 20150722_145552

Pittura e poesia si combinano in queste opere, un vero spettacolo per gli occhi.

20150722_145620 20150722_145656

Oggi, 22 luglio 2015, scatto una foto ad una lettera scritta da Rimbaud il 22 luglio 1881.

20150722_151348

Semplicemente stupendo. La visita termina e prima di tornare in Italia, rimangono da fare due cose: una visita a Mézières, la parte meridionale della città, e una visita al cimitero dove Arthur Rimbaud riposa in pace. Ah, e devo comprare un busto del poeta da portare a casa.

20150722_172801

La prossima tappa è al cimitero, che raggiungo a piedi in una ventina di minuti. Durante il cammino, sento l’obbligo morale di scattare la foto di questa segnaletica… mi raccomando, se volete andare a Charleroi (detta Chalalah dagli equipaggi Ryanair), tirate dritto!

20150722_173152

Questa è l’entrata del museo. Il custode, che probabilmente non parla l’inglese, è chiuso in una stanza e ha una discussione accesa al telefono. Prendo l’iniziativa e controllo la cartina del cimitero, grazie alla quale scopro che la tomba di Rimbaud è vicina all’entrata. Mi sono risparmiato le peripezie che sperimento a Woodlawn, New York, quando vado al cimitero per portare dei fiori ai miei parenti che riposano lì.

20150722_173328

Forse, e dico forse, la foto di una tomba non è particolarmente rispettosa ma è stata scattata per omaggiare il noto poeta, non per altro. R.I.P. Arthur e Vitalie Rimbaud.

20150722_174935

Tornando indietro, noto per puro caso un negozio che vende busti di Rimbaud e ne prendo uno. Chiedo una busta ma il negoziante mi dice che se metto il busto dentro la busta questa potrebbe spaccarsi e far cadere il busto stesso, mandandolo in frantumi. Bene, porto il pesante busto a mano fino all’hotel, dove faccio un rapido pit stop, e poi mi dirigo verso sud, a Mézières.

20150722_181749

Mézières è ancora più caratteristica di Charleville quanto ad architettura: non mancano i palazzi vecchi, usati per praticamente qualsiasi scopo.

20150722_181906

Sinceramente, non ho capito se c’è un nesso tra quest’opera e la tradizione delle marionette, ma credo di sì.

20150722_182203

I paesaggi si confermano stupendi anche qui, è inutile negarlo.

20150722_182624

Questo è un famoso hotel di Mézières, con una facciata davvero molto bella.

20150722_182804

Mézières rende omaggio ai suoi caduti della Grande Guerra. R.I.P.

20150722_182905

I fiumi che attraversano Charleville-Mézières non compromettono affatto la viabilità, dato che i ponti per passare da una parte all’altra non mancano.

20150722_183330 20150722_183515

Questa è la Basilica di Mézières, edificio alto e curato che si nota in lontananza. Il giro turistico è praticamente finito e lo stomaco brontola, quindi torno alla Place Ducale e mi infosso in un ristorante giapponese, il Sushido.

20150722_192518 20150722_192549

Birra giapponese, chi l’avrebbe mai detto.

20150722_193749 20150722_194024

I piatti giapponesi a base di pesce non saziano, ma quelli a base di carne sì. Il tutto costa un pochino ma devo ammettere che ne è valsa la pena.

20150722_212100

Tornando verso l’hotel passo per una libreria con un nome scontato, “Rimbaud”, dove compro un paio di auricolari (i miei si sono rotti) e un mattone con tutte le opere originali di Rimbaud scannerizzate e stampate. Dopo questo ennesimo “acquisto pazzo”, torno nella mia comoda stanzetta di hotel dove mi preparo per il viaggio di ritorno.

AZ313

Aeroporto di origine: Parigi – Roissy (CDG)
Aeroporto di arrivo: Milano – Linate (LIN)
Distanza tra gli scali: 644km
Compagnia: Alitalia (AZ)
Aeromobile: Airbus A320
Registrazione: EI-DTI
Nome dell’aereo: Niccolo’ Machiavelli
Classe: Economy
Posto: 4A (finestrino)
Gate: F33
Bagagli: 2/26kg
Ora di partenza prevista: 15:25
Ora di arrivo prevista: 16:55
Ora del decollo: 15:55
Ora dell’atterraggio: 16:57
Tempo di volo: 1h 2min

Un giorno interamente passato a viaggiare, ebbene sì. Il treno parte da Charleville alle 6 in punto, direzione Champagne-Ardenne dove c’è la coincidenza per Charles de Gaulle. Faccio la somma fesseria di non preparare il bagaglio la sera prima, e per sistemare tutto gioco a tetris rovinando in parte uno dei poster acquistati al negozio. Dato che, ovviamente, nel bagaglio non c’entra tutto, metto quello che rimane dentro due buste non proprio ingombranti ma un po’ scomode da portare in giro.

20150723_061627

L’alba di questo giorno che passerò tra treni, sale VIP e aerei.

20150723_071058

Ecco nuovamente la stazione di Champagne-Ardenne TGV. L’attesa supera di poco l’ora ed è tutto tranquillo. Stavo per rivolgermi al banco TGV + Air, un servizio che combina treni e aerei, ma avendo un biglietto Alitalia rinuncio dato che il servizio sembra limitato a chi ha acquistato biglietti Air France e di alcune compagnie partner, Alitalia esclusa. Tanto, alla fine, non credo cambi molto.

20150723_073320

Do una rapida occhiata all’edicola della stazione che si intravede nella foto precedente e compro una copia di Charlie Hebdo, il noto giornale satirico diventato protagonista mondiale in seguito all’attentato di Parigi.

20150723_081454

Il TGV arriva e si riparte per Charles de Gaulle. Il treno è abbastanza affollato.

20150723_085202

Bene, ora bisogna trovare il check-in Alitalia e sperare che accettino il mio bagaglio con diverse ore di anticipo rispetto alle solite due ore che precedono la partenza del volo. Sono le 8:30 e il volo parte dopo le 15… aspettare fino alle 13 col bagaglio a zonzo sarebbe un macello.

20150723_085630

Al Roissy si vedono aerei di tutti i tipi.

20150723_092552

Questo è l’interno della biglietteria Alitalia, a due passi dal check-in SkyPriority.

20150723_092557

Guardandomi intorno noto un negozio di souvenir e faccio un pensierino pazzo.

20150723_100420

Vedete quel bagaglio a sinistra? All’andata non ce l’avevo. L’ho comprato al Roissy e l’ho riempito con una miriade di cose, comprate allo stesso negozio. La transazione è dolorosa, tant’è che ho dovuto pagare una parte degli acquisti col bancomat e un’altra parte in contanti prelevati presso un vicino sportello. Il busto di Rimbaud sta dentro quello nero, incrociamo le dita.

Per fortuna, il banco SkyPriority accetta i miei due bagagli in anticipo, e questo mi alleggerisce non poco. Ora bisogna cercare una lounge Air France.

20150723_103635

Questa è l’architettura caratteristica dei moli del Terminal 2 di CDG, praticamente monopolizzati da Air France e compagnie partner.

20150723_104140

L’entrata di un Salon Air France, al quale ovviamente ho accesso in qualità di viaggiatore Elite Plus SkyTeam.

20150723_104427 20150723_104448 20150723_104807 20150723_104825 20150723_104830

Vasti assortimenti di alcolici e cibi vari, ma sedili non proprio comodissimi (opinione personale). Sempre meglio di un’attesa di ore e ore fuori dalla lounge, ovviamente!

20150723_104853 20150723_104911

Avventuriamoci nei meandri di questa lounge…

20150723_105000

Giù la situazione è più tranquilla.

20150723_105027

La visuale da qui è stupenda, gli aerei e i mezzi di terra sono proprio a due passi! A metà attesa, passo da una lounge all’altra e l’addetta all’entrata della seconda lounge se ne accorge e me lo chiede in italiano. Beh, dopo diverse ore di attesa tanto vale dare un’occhiata anche all’altra, no? Le due lounge del T2 sono praticamente uguali e infatti non ricordo con precisione quando finiscono le foto di una lounge e iniziano quelle dell’altra. Pardon!

20150723_105039

E’ facile cadere in tentazione.

20150723_111234

Ecco, appunto.

20150723_123811 20150723_123814

Un salto all’angolo bevande alcoliche è un must. Vediamo un po’ cosa c’è…

20150723_123855

A proposito, mi ricordo che il mio prossimo volo sarà il numero 150 con Alitalia. Si brinda!

20150723_123933

Mix apparentemente letali ma che in realtà sono deliziosi.

20150723_133654

Questo mix invece è davvero letale.

20150723_141749

Ecco che arriva il nostro aereo, EI-DTI, lo vedo parcheggiare e scatto una foto. Proprio a fianco, un Airbus di Air France con livrea speciale SkyTeam.

20150723_142121 20150723_151502

Il nostro gate è l’F33. Ad imbarcare il volo un addetto tipicamente francese che nei confronti degli italiani ha un atteggiamento molto ma molto distaccato. Prima dell’ok all’imbarco per tutti i passeggeri, un UMNR (minore non accompagnato il cui trasporto è curato dai servizi di terra e dagli assistenti di volo) passa il gate ed entra a bordo.

20150723_151712

Ecco, ci siamo quasi. Direzione Linate!

20150723_152141

L’imbarco è fluido. Purtroppo, durante il decollo, non riesco a scattare una buona foto di Parigi nonostante il mio sedile fosse proprio rivolto verso la città romantica. Viriamo verso sud est, dritti verso Milano.

AZ2099

Aeroporto di origine: Milano – Linate (LIN)
Aeroporto di arrivo: Roma – Fiumicino (FCO)
Distanza tra gli scali: 471km
Compagnia: Alitalia (AZ)
Aeromobile: Airbus A319
Registrazione: EI-IMO
Nome dell’aereo: Isola d’Ischia
Classe: Economy
Posto: 6F (finestrino)
Gate: A18
Bagagli: 2/26kg (in transito dal volo precedente)
Ora di partenza prevista: 18:20
Ora di arrivo prevista: 19:30
Ora del decollo: 18:35
Ora dell’atterraggio: 19:22
Tempo di volo: 47min

I transiti a Linate sono un po’ un terno al lotto. Se si ha la fortuna di arrivare ai parcheggi situati presso i finger, basta semplicemente andare al gate del volo successivo. In caso contrario, il più delle volte, si finisce ai remoti e bisogna rifare i controlli di sicurezza.

20150723_170106 20150723_170737

Ecco, come dicevo, i remoti. Una volta arrivato all’area arrivi scappo verso le scale mobili che portano su e per fortuna, avendo accesso al fast track, seguo la linea prioritaria ai controlli di sicurezza.

20150723_174257

La sala VIP Alitalia “Alessandro Manzoni” di Linate è sempre affollata e spesso non si trova un posto per potersi sedere. Chissà, forse alla Welcome Lounge la situazione è più tranquilla, ma non mi va di fare un tentativo anche lì anche perché il tempo di transito non è tantissimo e bisogna andare al gate.

Sorprendentemente, l’imbarco è con autobus. La rotta Roma-Milano è importante per Alitalia e garantisce ai suoi passeggeri l’accesso diretto all’aeromobile col finger, ma questo accade solo a Fiumicino. A Linate, anche e soprattutto a causa della disponibilità limitata di finger, capita di imbarcarsi con l’interpista. L’attesa dentro il bus è più lunga del previsto: il personale di terra ci informa che l’equipaggio sta resettando l’aria condizionata e l’operazione richiede un po’ di tempo. Chi vuole può uscire temporaneamente dal bus, e qualcuno lo fa. Io rimango dentro.

20150723_181644

Il volo è tranquillo, soprattutto la discesa finale verso Fiumicino. Il pensiero va ai miei bagagli in transito e al busto di Rimbaud, che ho sistemato nel miglior modo possibile.

AZ1163

Aeroporto di origine: Roma – Fiumicino (FCO)
Aeroporto di arrivo: Lamezia Terme – Sant’Eufemia (SUF)
Distanza tra gli scali: 469km
Compagnia: Alitalia (AZ)
Aeromobile: Airbus A321
Registrazione: I-BIXK
Nome dell’aereo: Piazza Ducale – Vigevano
Classe: Economy (unica disponibile)
Posto: 3F (finestrino)
Gate: B14
Bagagli: 2/26kg (in transito dai voli precedenti)
Ora di partenza prevista: 20:45
Ora di arrivo prevista: 21:55
Ora del decollo: 21:45
Ora dell’atterraggio: 22:32
Tempo di volo: 47min

Dopo due Salon Air France e la saletta Manzoni, ora si passa alla Dolce Vita di Fiumicino. Quattro sale VIP in un giorno, record personale.

20150723_194258 20150723_194301

Un po’ di folla al Pilot Bar.

20150723_194324 20150723_194346 20150723_194354

Ok, lo ammetto. Ho un debole per il simulatore offerto da FSC, fatevene una ragione.

20150723_194949 20150723_194954

Circuito intorno a San Francisco, stupendo soprattutto per il paesaggio. Poi, subito verso il gate per Lamezia. Il volo decolla un’ora dopo l’orario di partenza, e nonostante il doppio scalo i bagagli sono arrivati a destinazione… segno che le etichette prioritarie servono a qualcosa! Segno particolare: alcuni membri dell’equipaggio del volo Roma-Lamezia avevano già operato il mio volo Milano-Roma, ma su un aereo diverso questa volta. E’ un piacevole vizio?

Il giorno dopo, però, la brutta sorpresa… apro il bagaglio e scopro che il busto di Rimbaud è spaccato a metà all’altezza del collo, e ha danni in altre parti. Argh! Anche un bicchiere con scritto “CDG” è rotto, pazienza. Uso la colla in entrambi i casi e lascio il busto in standby, nella speranza di farlo aggiustare. Certo, però, che coi danni che ha avuto ora sembra avere un appeal da scultura greca provata dal tempo e dai barbari… che dite?

20150813_122426

Annunci

Informazioni su lightbluemobius

The Lightblue Ribbon coordinator and founder.
Questa voce è stata pubblicata in Francesco D'Amico, Turismo e Trip Report e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a [Trip Report] La splendida cornice poetica di Charleville-Mézières, la città di Arthur Rimbaud

  1. Grace ha detto:

    Stupendo!
    Prima o poi visiterò anch’io Charleville

  2. Pingback: “Desy”, di Maria Pia Furina | The Lightblue Ribbon

  3. Pingback: A Morano Calabro premiato un “trip report” targato TLR | The Lightblue Ribbon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.