[Trip Report] La Calma prima della Tempesta

Nota: questo Trip Report è ancora work in progress.

Una trasferta transatlantica che comprende otto voli con cinque compagnie aeree diverse – tre voli in classe Economy, cinque in classe First e due in classe Business

Calma01

Immagine creata su http://www.gcmap.com

Questo trip report arriva con mesi di ritardo, e porta un nome caratteristico. La fine di questo report, infatti, marca l’inizio di un calvario culminato con una gravissima perdita familiare. E’ stata, appunto, la calma prima della tempesta.

Il viaggio in questione comprende varie tappe e sulle due immagini, sopra e sotto, potete trovare un po’ di “trivia” circa gli aeroporti coinvolti e le distanze percorse.

Calma02

Immagine creata su http://www.gcmap.com

Il mio viaggio verso la costa occidentale dell’Oceano Atlantico inizia, come di consueto, da SUF, l’aeroporto di Lamezia Terme. In fase di prenotazione, scelgo la soluzione di viaggio AZ1168-AZ610, una soluzione comoda che non costringe il passeggero a svegliarsi prestissimo di mattina. Il primo volo era programmato con partenza alle 10:45 circa e arrivo a Roma circa 1h15min dopo, un orario pratico e comodo che mi avrebbe risparmiato le solita sveglia tra le 3 e le 4 di mattina. Proprio in aeroporto, due settimane prima della mia partenza, mentre parlavo con un amico biologo ricercatore che stava per prendere un volo Ryanair per Bologna, ricevo un sms da parte della compagnia già di bandiera che mi informa della cancellazione del mio volo, AZ1168, con riprotezione automatica sul volo successivo, AZ1166, ed un tempo di transito a Roma di poco superiore all’ora. Il transito è “fattibile” e rientra tra le soluzioni di viaggio vendibili, ma memore delle baraonde vissute al check-in coi voli AZ in ritardo e le riprotezioni da gestire a valanga, decido di optare per una maggiore tranquillità. Contatto l’assistenza clienti per chiedere un cambio di prenotazione e viaggiare con la soluzione AZ1162-AZ608, partenza da Lamezia alle 7:00 e circa 2h30min di transito per New York, ma dato che la soluzione proposta in seguito alla cancellazione risulta vendibile, la mia richiesta è assimilabile alla richiesta di un cambio di prenotazione ed è quindi soggetta al pagamento di penali.

Un pensiero fantozziano permea la mia mente: tordo intero!

Calma03

Tordo intero!

Decido di partire la mattina alle 7:00 e di aspettare ben 6 ore a Fiumicino. I giorni passano, la data della partenza si avvicina, contatto i miei parenti per fornire i dettagli dei miei voli… e parto. Sarà un’ammazzata? Sarà piacevole? Dormire durante il volo intercontinentale sarà un obbligo se non voglio arrivare a New York in modalità zombie.

AZ1162

Aeroporto di origine: Lamezia Terme – Sant’Eufemia (SUF)
Aeroporto di arrivo: Roma – Fiumicino (FCO)
Distanza tra gli scali: 469km
Compagnia: Alitalia (AZ)
Aeromobile: Airbus A319
Registrazione: EI-IMR
Nome dell’aereo: Italo Calvino
Classe: Economy (unica disponibile)
Posto: 3A (finestrino)
Gate: 02
Bagagli: 3/30KG
Ora di partenza prevista: 7:00
Ora di arrivo prevista: 8:10
Ora del decollo: 7:10
Ora dell’atterraggio: 8:13
Tempo di volo: 1h 3min

Partire dal proprio luogo di lavoro ha vantaggi e svantaggi: i primi consistono nel conoscere nei minimi dettagli procedure, strutture e tempistiche, i secondi riguardano soprattutto l’aspetto personale. Se un lavoratore prende l’aereo per un viaggio, diciamo, “non convenzionale”, tempo qualche ora e lo sanno anche i colleghi in ferie in Australia. Forse quest’allusione è esagerata, ma rende l’idea.

Mi presento al banco 4, riservato ai soci Premium Alitalia e SkyTeam, col passaporto e tre bagagli da stiva. La tariffa Business garantisce due pezzi da 32kg e con la carta Freccia Alata Plus ho diritto ad un terzo pezzo da 32kg, per un totale di 96kg di franchigia (che per le mie esigenze è stratosferica dato che non credo di aver mai superato il peso complessivo di 50kg). La collega del check-in rimane spiazzata dai miei bagagli, chiama la biglietteria e la collega lì presente le conferma che per il terzo pezzo non devo pagare nessuna penale. Vabbé, qualche svista può capitare a tutti ed è sempre meglio chiedere; a check-in finito procedo verso il gate.

10405688_822079247814663_7994334427549239946_n

Un po’ di folla al gate 02. Ovviamente non potevano mancare i passeggeri che sbagliano intenzionalmente la fila nel tentativo di imbarcarsi insieme a chi ha diritto all’imbarco prioritario. Loro ci provano e come va, va.

10806308_822079271147994_3483345504146400534_n

E’ l’alba, ecco come si presenta il nostro A319. I voli domestici che precedono o seguono un volo intercontinentale, per me, sono completamente scollegati dal resto. Sapere di dover passare diverse ore su un aeromobile, o di averle già passate, rende un viaggio con un tempo di volo inferiore all’ora quasi insignificante, ma comunque necessario: se non ci fosse il feederaggio, spostarmi tra l’Italia e gli USA diventerebbe una vera e propria impresa. Salito a bordo riconosco il capocabina del volo, un compagno di sventure col quale però non ricordo che situazione lavorativa abbiamo vissuto. Era un volo in forte ritardo? Un problema informatico che ci ha costretti a verificare i posti dei passeggeri a bordo? Non lo ricordo, e lui non si ricorda di me perché di rampisti ne vede tantissimi, e di continuo.

10629551_822079317814656_727702950399685191_n

Un volo tranquillo, come tanti altri. Sto sempre al finestrino e penso alle mille cose che dovrò fare. Ho preso tutto? Il ricarica batterie del telefono? Il computer? Il passaporto è in tasca o l’ho dimenticato nel cobus? Millemila preoccupazioni che precedono le mie coincidenze intercontinentali. In questo caso specifico si aggiunge la piccola tensione per lo scalo da sei ore, del tipo… arriverò a New York stanco morto?

10411821_822079384481316_4791705794882427557_n

Una coltre di nebbia mai vista prima, sembra un quadro.

10394120_822079411147980_7232478279411929284_n

L’atterraggio avviene in orario, e una volta uscito dall’aereo penso a come gestire quello che al momento detiene il record di transito più lungo della mia vita.

10422191_822079491147972_4227954042331937356_n

La mia prima mossa è andare alla Sala VIP “Le Navi”, che si trova in prossimità dei gate H. Entro e mi fanno notare che sono lontano dalla mia area d’imbarco, ma ne sono cosciente e dato che il transito è molto lungo passerò metà del tempo a Le Navi e l’altra metà alla Giotto, nell’area G.

Il tempo passa e noto una cosa: il volo AZ608, quello che avrei teoricamente dovuto prendere se avessi cambiato la prenotazione, è operato da EI-EJG, l’A330 con livrea speciale della Calabria, sul quale non ho mai avuto il piacere di volare. L’aereo è ormai riverniciato e sono solo riuscito a spottarlo qualche volta a Fiumicino e a New York. Sul suo gemello più piccolo, EI-DSM, ho volato un paio di volte ma non quando aveva la livrea della mia regione: con lui, o esso, ho però vissuto attimi di preoccupazione. Una volta EI-DSM è arrivato a Lamezia con un’emergenza medica a bordo, e allo sbarco c’era l’ambulanza sottobordo. Una passeggera, sentitasi male e soccorsa da un medico che per fortuna era tra i passeggeri del volo, è stata fatta coricare ai posti 1ABC. Che esperienza. Ma continuiamo col viaggio…

10410223_822079537814634_3250863157953065694_n

Questa è l’entrata della lounge “Le Navi” di Fiumicino, normalmente utilizzata dai passeggeri premium che si imbarcano attraverso i gate H (sì, quelli da terzo mondo).

10306463_822079554481299_3674161073990788544_n

Il bellissimo panorama della lounge, chissà se e quando finiranno il molo coi nuovi gate.

10402715_822079567814631_6115822981208545874_n

I pasti non sono eccelsi ma se paragoniamo questa lounge a tante altre, è sicuramente sopra la media. E’ anche spaziosa, i passeggeri non sono costretti a stare l’uno attaccato all’altro come avviene, per esempio, alla Borromini.

AZ610

Aeroporto di origine: Roma – Fiumicino (FCO)
Aeroporto di arrivo: New York – Kennedy  (JFK)
Distanza tra gli scali: 6873km
Compagnia: Alitalia (AZ)
Aeromobile: Airbus A330
Registrazione: EI-EJJ
Nome dell’aereo: Michelangelo Merisi Da Caravaggio
Classe: Business
Posto: 2L (finestrino)
Gate: G05
Bagagli: 3/30kg (in transito da volo precedente)
Ora di partenza prevista: 14:35
Ora di arrivo prevista: 18:25
Ora del decollo: 15:10
Ora dell’atterraggio: 18:28
Tempo di volo: 9h 18min

Non ricordo esattamente a che ora mi sono spostato dalla lounge Le Navi alla Giotto, ricordo solo che prima di farlo ho controllato lo status del volo AZ1166 (quello sul quale ero stato inizialmente riprotetto) e ho visto che il volo è stato operato regolarmente. Avrei potuto prendere quel volo, dormire di più e fare un transito regolare, ma non mi sono pentito affatto della mia decisione: io sono per i viaggi tranquilli, comodi e senza pensieri, non voglio scali con biglietti separati, compagnie che limitano anche la quantità d’aria che respiro, etc. E poi con quel transito i miei tre bagagli sarebbero stati a rischio.

10805671_822135241142397_2485597469716307940_n

Ecco un “compagno di gate”, Airbus dell’Aer Lingus.

10616272_822135277809060_105714240486103331_n

Ed ecco EI-EJJ “Michelangelo Merisi da Caravaggio”, l’Airbus A330 che opererà il volo AZ610.

10690267_822135281142393_7663797444703606750_n

Boeing 747 della Thai, quasi pronto per andare a Bangkok. Peccato che, a causa della forte concorrenza di Etihad, Qatar ed Emirates, Thai è stata costretta a cancellare la rotta Roma-Bangkok dal proprio operativo. Presto, questa diventerà una foto “storica”.

Sento qualcosa cadere per terra dietro di me. Mi giro e noto che, sorpresa, una tasca del mio zaino targato Frecce Tricolori è lacerata e un ricarica batterie è caduto per terra. Controllo per vedere se sono cadute altre cose, ma per fortuna è tutto ok. Metto tutto nella tasca centrale.

10458527_822768737745714_2342376265741523553_n

10426270_822768751079046_6980822685812964684_n

Il magnifico comfort della Magnifica. Ok, scusate la cacofonia.

10731000_822768781079043_6764818555461747615_n

Il Caravaggio si riflette sui vetri del molo G.

1012965_822768791079042_2958980976542836969_n

Via col sistema di intrattenimento…

10309343_822768811079040_9143643465714231503_n

Sguardo d’insieme. Siamo in tanti in Business ma c’è spazio per tutti anche nelle cappelliere. Da notare il fatto che l’Airbus A330 non ha la cappelliera centrale che è invece presente sul Boeing 777. Chissà se in Economy hanno dovuto sbarcare dei bagagli.

10798_822768831079038_8526579787055321438_n

Qualcuno benedica la porta USB dei sedili di Magnifica!

10806311_822768897745698_8036666594791051863_n

Siore e siori, alla nostra destra, Airbus A380 della Emirates.

10517697_822768917745696_1718178467955814518_n

Durante la fase di taxi, di fronte a me, credo di vedere EI-DSL, anche lui (o esso) un vecchio compagno di sventure, e noto il già citato EI-DSM, che qualche ora dopo sarebbe diventato protagonista di un episodio particolare.

10806224_822768934412361_3314621006281924895_n

Pronti per il decollo…

10245505_822768947745693_3796875382824241703_n

Guardare le nuvole dall’alto è sempre un’emozione.

10686733_822768981079023_3384255149682934928_n

Rotta per JFK, direzione nord-ovest.

10806317_822768997745688_5497149670715806778_n

Gli assistenti di volo Alitalia della Magnifica, appositamente formati per questo tipo di servizio, preparano il pasto.

10731136_822769011079020_100688436248912015_n

Tutto inizia a prendere forma. Vedete quel bigliettino col logo SkyTeam? E’ un invito ad un sondaggio riservato ai clienti premium, al quale ho partecipato successivamente inserendo i dati riportati sul bigliettino stesso. In palio, se non erro, due biglietti di andata e ritorno in Economy per una destinazione SkyTeam che ovviamente, viste le scarse probabilità di vincere, non ho ottenuto.

1234475_822769024412352_7650602722172887080_n

Quando prendo l’aereo i miei gusti musicali cambiano. Oddio, Desert Rose di Sting merita anche quando sono a terra…

10801708_822769107745677_5138902603356772092_n

Si dia inizio alla grande abbuffata!

10410187_822769117745676_2961927551050346022_n

Ribadisco: grande abbuffata!

10704190_822769154412339_518167220699661105_n

Non potevano mancare due deliziosi dolci come contorno al tutto.

10703917_822769167745671_1807802752587373264_n

Chi mi conosce sa che sono un grandissimo fan del the, soprattutto al limone. Caldo o freddo che sia.

10365870_822769181079003_3930181536226027545_n

Il viaggio procede, chiudiamo i finestrini. Il sistema di intrattenimento dell’IFE dell’A330 è nettamente superiore rispetto a quello del Boeing 777.

10391048_822769201079001_6547478681952495651_n

Il magico tramonto…

10632887_822771084412146_8418930689610058931_n

Succo d’arancia…

10610535_822771144412140_4985960217962975640_n

Dai non manca molto. Sorvoliamo Boston, città che ho visitato circa due anni prima.

10730861_822771154412139_4689389801098212596_n

L’atterraggio avviene alle 18:28 e lo sbarco è tutto regolare. Chi ha familiarità con l’aeroporto JFK sa che non è possibile scattare foto dell’area arrivi con l’infrastruttura doganale, neanche in casi eccezionali come quello da me sperimentato. Ebbene, per la prima e fino ad ora unica volta, non trovo orde di passeggeri ai controlli doganali e mi sbrigo in meno di 20 minuti, giusto il tempo di far passare gli altri passeggeri della Business del mio volo. Voli in ritardo o cancellati, dirottamenti, iperefficienza della dogana, non so il motivo per il quale questa volta è andato tutto liscio come l’olio. Alla riconsegna bagagli trovo qualche passeggero Air France e il relativo equipaggio, sicuramente arrivati prima di noi dato che la calma era proprio piatta.

Questo netto anticipo mi lascia un po’ spiazzato, dato che generalmente non dipendo dai mezzi pubblici quando arrivo a JFK. Un parente passa per venirmi a prendere e decido di aspettarlo nell’area arrivi, vicino ai vari uffici Lost & Found delle compagnie che operano presso il Terminal 1.

10409238_822771217745466_4522396760225058230_n

Le strade sono mediamente trafficate e per arrivare a Yonkers, nel Westchester, ci mettiamo tra i trenta e i quaranta minuti. Nei giorni che seguono ho impegni per lo più “istituzionali”, dopodiché mi preparo per la seconda tappa del viaggio: la città perduta di Atlantid… ehm… Atlanta.

DL5179

Aeroporto di origine: White Plains, Westchester County (HPN)
Aeroporto di arrivo: Atlanta – Hartsfield-Jackson (ATL)
Distanza tra gli scali: 1257km
Compagnia: Delta Air Lines (DL)
Aeromobile: Canadair Regional Jet 900
Registrazione: N197PQ
Nome dell’aereo: –
Classe: First
Posto: 2A (finestrino)
Gate: G
Bagagli: 1
Ora di partenza prevista: 7:25
Ora di arrivo prevista: 9:58
Ora del decollo: 7:58
Ora dell’atterraggio: 10:15
Tempo di volo: 2h 17min

Qui inizia la parte più caratteristica del viaggio. La rotta Roma – New York è molto trafficata anche per coloro che viaggiano in Business, ma sono in pochi a conoscere la piccola ma interessante realtà dell’aeroporto di White Plains, che si trova nella Contea del Westchester, poco più a nord di New York City.

Lo scalo è considerato molto comodo ed efficiente dai locali, che quando possono partono da qui: gli scali newyorchesi veri e propri sono, per molti, un’ultima spiaggia e chi può li evita. La clientela di HPN è variegata ma tendenzialmente altospendente, tant’è che moltissimi voli da e per HPN hanno la classe First, e non mancano gli aerei privati. Quella del Westchester è una delle contee più benestanti degli Stati Uniti e questo va ad influenzare la clientela dell’aeroporto. Non vi faccio la lista dei personaggi famosi che hanno un aereo privato parcheggiato proprio qui a HPN…

Ad HPN ci arrivo con la macchina in una ventina di minuti circa, e prima di scendere non riesco a scattare una foto del P-80 esposto all’entrata dello scalo come gate guardian. Vista l’ora, la foto sarebbe uscita malissimo.

La mia destinazione è Atlanta, l’hub per antonomasia, e ci andrò con un aereo regional della compagnia che ad ATL regna incontrastata, la Delta. Prima del mio volo per ATL ne parte un altro che però non ho deciso di prendere per non disturbare troppo chi mi avrebbe accompagnato con la macchina.

20141126_053103

Come potete vedere, HPN è il classico aeroporto americano: tantissimi voli operati con aerei a bassa capienza e network degno di tutto rispetto. Le major americane garantiscono comode coincidenze e con appena due voli si possono raggiungere non solo le principali città degli USA ma anche tantissime destinazioni chiave in tutto il mondo. Il point to point è dominato dalla ben nota compagnia jetBlue, che collega White Plains con vari scali della Florida usando i suoi A320, gli aerei civili più grandi che operano qui: molti residenti del Westchester, come alcuni miei parenti, hanno appartamenti o addirittura intere case in Florida, e la jetBlue costituisce la chiave per poterli raggiungere.

Quella mattina, però, è una strage! Apparentemente, quasi tutti i voli jetBlue risultavano cancellati per motivi che non sono mai andato ad investigare. Gli aerei erano parcheggiati, e in giro per l’aeroporto c’erano alcuni equipaggi a zonzo; forse non capirò mai cos’è successo ma le ipotesi a mio avviso più fondate potrebbero essere a) uno sciopero o b) maltempo esteso in tutta la Florida.

20141126_053110

Ecco come si presenta l’area check-in: piccola e ottimizzata. Il check-in della Delta è proprio di fronte, mentre quello della jetBlue sta a destra. Proprio lì c’era un po’ di fila, sicuramente dovuta alle varie cancellazioni di quella mattina.

20141126_053535

Una super bandiera americana non poteva mancare: il patriottismo statunitense si trova anche negli aeroporti.

20141126_053628

Scelte artistiche che rendono l’ambiente più amichevole.

20141126_053816 20141126_053825

Foto notturne dall’osservatorio dello scalo. Prima dell’alba, l’APRON e la pista di White Plains si presentano così.

20141126_053850

Maggiori dettagli sui voli della fascia oraria 6:00-9:30. Il mio parte alle 7:25 e risulta perfettamente regolare, mentre alcune frequenze jetBlue, come già detto, sono state cancellate. Il gate del mio volo non è ancora uscito.

20141126_061154

C’è un po’ da aspettare ma è sempre, dico sempre, meglio aspettare un po’ in aeroporto piuttosto che vivere il dramma di perdere un volo. Nella sala dei gate c’è gente di tutti i tipi, a testimoniare il fatto che l’utenza di HPN è molto trasversale. Quella mattina l’età media mi è sembrata un po’ più bassa del solito.

Purtroppo non ci sono sale VIP dove poter aspettare, ma non si può dire che l’ambiente sia scomodo e poco piacevole.

20141126_070622

Dopo aver visto l’imbarco dei voli che hanno preceduto il mio, tocca a noi. La nostra uscita è la G e come potete vedere è facile ritrovarsi in qualche fila confusa, dati gli spazi molto ristretti. Nessun caos all’italiana: i passeggeri si dispongono come possibile e a parte qualche battuta qua e là sul finire a bordo dell’aereo sbagliato, tutto va liscio come l’olio.

Ovviamente, per i passeggeri di classe First è previsto l’imbarco prioritario e mi imbarco tra i primi. Al gate ritrovo la stessa addetta che mi ha fatto il check-in un paio d’ore prima.

20141126_071038 20141126_071042

Una volta passato il gate G, seguiamo la stessa strada dei passeggeri imbarcati attraverso l’uscita H con la differenza che il nostro aereo è più vicino del loro. Un’addetta smista i passeggeri onde evitare che le battute di prima si trasformino in fatti reali degni della stampa d’aviazione più catastrofista. No, aspetta, non siamo in Italia…

20141126_071115

Ecco il nostro regional. Al parcheggio adiacente, un altro regional… e poi un aeromobile jetBlue.

20141126_071252 20141126_071257

La macchina che opererà il nostro volo è N197PQ, un regional jet con divisione della cabina in due classi.

20141126_071700

La First domestica americana, il più delle volte, non è nulla di eccezionale: buon pitch e servizio a bordo sopra la media, ma nessun apparato IFE né tanto meno la possibilità di reclinare il sedile di 180°. Il vantaggio principale per un maniaco del finestrino come me è avere alla mia sinistra il finestrino stesso e alla mia destra il corridoio: insomma, posso gestire al meglio i miei spazi senza avere la preoccupazione di poter dare fastidio a qualcuno.

20141126_073220

Coca Cola pre-volo, non avete idea di quante ne prenderò prima dell’arrivo ad Atlanta. Il “bello” è che quando scrivo questo trip report la Coca Cola è diventata, per me, una specie di tabù a causa di alcuni problemi di salute, si spera non gravi.

Dopo gli annunci di routine, inizia l’accensione motori e la fase di taxi verso il fondo pista.

20141126_074950 20141126_075041

Dato che pioveva, era difficile cogliere alcuni dettagli da bordo. Potete comunque notare i mezzi aeroportuali in attività e alcuni dei millemila aerei privati basati a HPN, segno anche loro che ci troviamo in un’area degli USA in cui i ricchi sicuramente non mancano.

20141126_081915

Behind the curtain. Una piccola “panoramica” della cabina, con marcato il passaggio da First a Economy che “devia” leggermente il corridoio a causa del passaggio da una configurazione 1-2 ad una configurazione 2-2. Il volo è pienotto e tutti quanti sembrano concentratissimi.

20141126_083011 20141126_083027

La sicurezza prima di tutto…

20141126_083417

…senza però rinunciare alle delizie offerte dall’assistente di volo dedicato. Perdo facilmente il conto dei bicchieri di Coca Cola bevuti.

20141126_091053 20141126_095424

Ci lasciamo le spalle il maltempo e rotoliamo verso Sud. Dato che il volo supera le due ore di durata, ho il tempo per qualche foto e per un po’ di relax. A bordo è disponibile una connessione wi-fi gratuita (almeno per chi viaggia in First, immagino) e ne approfitto per navigare sul web. Tra una cosa e l’altra, per un po’ seguo il mio stesso volo su flightradar24.com.

20141126_101213

Durante le fasi finali della discesa si possono apprezzare i tipici paesaggi della Georgia, uno stato degli USA che sembra aver trovato un buon compromesso tra edilizia e natura. Anche nella stessa Atlanta c’è spazio per questa macedonia di colori. La discesa è molto tranquilla e non si ha mai l’impressione di andare verso un aeroporto molto trafficato.

20141126_101615 20141126_102055

Benvenuti ad Atlanta, l’aeroporto più trafficato del mondo! Il taxi in dura un po’ e rimaniamo in attesa per diversi minuti, in attesa che vari aerei della Delta – soprattutto vetusti MD-80 – decollino. I decolli in parallelo sono un vero e proprio spettacolo, così come l’Airbus A380 della Korean Air che non ha bisogno di presentazioni.

20141126_102350

Non ricordo esattamente il terminal – o concourse – d’arrivo ma doveva essere uno dei più esterni dall’area check-in Nord-Sud.

20141126_102905

Come dicevo prima, questo è lo scalo più trafficato del mondo e da questa foto si capisce perché.

20141126_104053 20141126_104309

L’area di riconsegna dei bagagli non è enorme e i tempi di consegna non sono proibitivi, anche perché la maggior parte del tempo si passa spostandosi dal gate d’arrivo ai nastri (per spostarsi all’interno di ATL serve una linea della metro interna). Fatto curioso: tutti i terminal hanno il nome di una lettera e una voce automatica riporta anche  la parola nel gergo aeronautico che indica quella stessa lettera. Tuttavia, anziché usare la parola Delta per indicare il terminal D, la voce dice “David”, probabilmente per evitare un’ulteriore pubblicità gratuita alla compagnia di casa qui ad ATL.

Preso il bagaglio, con un taxi procedo verso l’albergo.

Atlanta, Georgia, USA

La città perduta di Atlantid… ehm, Atlanta, che tanto perduta non è dato che è uno dei principali hub del trasporto, non solo aereo, del continente americano, non è una super metropoli come New York ed è l’ideale per una visita da week end.

20141126_110152

I fan della serie The Walking Dead troveranno queste strade sicuramente familiari.

20141126_145051

Molto bello da visitare è l’acquario, noto ai più per la sua chicca principale: il Rhincodon typus, o squalo balena.

20141126_154244 20141126_154321 20141126_154329 20141126_154424 20141126_155155

Molto bello anche questo beluga.

20141126_162535

Modello con alcuni dettagli anatomici del Rhincodon.

20141126_163423

Semplicemente stupendo. L’acquario ha un tunnel che passa praticamente sotto un’immensa vasca, e se siete fortunati potete riuscire a scattare una foto dello squalo balena dal basso, quasi come se nuotaste insieme ad esso.

20141126_170332

Atlanta è anche la casa della Coca Cola. Oltre ad un caratteristico grattacielo, ad Atlanta potete trovare il Coca Cola World, un museo dedicato, appunto, alla storia di una tra le bibite più diffuse al mondo.

20141126_171535

La guida turistica presenta un video di presentazione sul fantastico mondo della Coca Cola.

20141126_172435

La sua storia è secolare e ogni paese, in ogni periodo storico, ha avuto bottiglie caratteristiche con pubblicità caratteristiche. All’interno del World c’è un’enorme sala in cui – udite udite – potete provare aggratis millemile tipi diversi di Coca Cola.

20141126_175553

Riconosco che le mie foto notturne non sono proprio il top del top. Il gioco di luci di Atlanta è molto carino, e nonostante la popolazione di milioni e milioni di abitanti, le strade larghe e i giardini danno al viaggiatore l’impressione di non stare in un posto con una densità di popolazione così alta.

20141127_120333 20141127_134720

Conoscete la catena Caribou Coffee? Fanno del latte caldo semplicemente delizioso.

20141128_122257

L’orto botanico, così come quasi tutte le attrazioni di Atlanta, è facilmente raggiungibile a piedi dal centro. Immerso nella natura, è un compromesso tra la botanica pura e l’arte.

20141128_123558

Modello in scala di un trenino.

20141128_124325 20141128_150448

Margaret Mitchell. Probabilmente, questo nome non vi dirà nulla. E se vi dicessi che si tratta dell’autrice del libro Via col Vento? La sua casa, trasformata in un museo, è visitabile e ha pure un negozietto di souvenir. Io ho comprato qualche stampa caratteristica, oltre ad un calendario del 2015.

20141128_152644 20141128_153836

Atlanta è anche la città di Martin Luther King.

20141128_154810

Questa è la casa di King. Fa un po’ riflettere il fatto che a visitare questi posti ormai da considerarsi “storici” ci siano per lo più afroamericani. Anzi, praticamente tutti i visitatori, me escluso, erano afroamericani. Sono capitato in una fascia oraria particolare o il senso di appartenenza ad una razza o l’altra è ancora così marcato negli USA?

20141128_160444 20141128_160945 20141128_161240 20141128_161435 20141128_161604 20141128_161849

DL4986

Aeroporto di origine: Atlanta – Hartsfield-Jackson (ATL)
Aeroporto di arrivo: White Plains, Westchester County (HPN)
Distanza tra gli scali: 1257km
Compagnia: Delta Air Lines (DL)
Aeromobile: Canadair Regional Jet 900
Registrazione: N131EV
Nome dell’aereo: –
Classe: First
Posto: 2A (finestrino)
Gate: E34
Bagagli: 1
Ora di partenza prevista: 20.35
Ora di arrivo prevista: 22:42
Ora del decollo: 20:51
Ora dell’atterraggio: 22:40
Tempo di volo: 1h 49min

Finita la scampagnata ad Atlanta, è giunto il tempo di tornare nel Westchester.

20141128_163956

Prospettiva della skyline di Atlanta mentre il taxi svolta a sinistra per andare verso l’aeroporto.

20141128_171216 20141128_171222

Faccio il check-in fuori, presso un banco drop off SkyPriority, ed entro. L’area check-in della Delta non sembra proporzionata al traffico, ma bisogna ricordare che una grossa porzione di traffico arriva ad ATL per prendere una coincidenza e quindi non passa dal frontline.

20141128_171235

Non potevano mancare le macchinette per il self check-in.

20141128_172602

Due targhe commemorative in prossimità dei controlli di sicurezza ricordano Hartsfield e Jackson, due afroamericani che hanno fatto molto per la città e il suo aeroporto.

20141128_172755

Trovare il proprio volo è un po’ come cercare un ago in un pagliaio, ed oltretutto c’è anche il rischio che il gate possa cambiare. Mentre prendo la metro interna, il tassista mi chiama perché ha nuovamente bisogno dei dati della mia carta di credito per il pagamento; dato che non sentivo bene, esco non appena possibile, fornisco i dati e prendo il treno successivo.

20141128_174228

Da uno spiraglio riesco a notare e poi fotografare uno dei tanti wide body della Delta, dopodiché decido di andare verso la sala VIP più vicina. A distanza di mesi è stata un po’ una sorpresa realizzare di aver scattato un’unica foto della saletta. Mi scuso con chi avrebbe voluto qualche foto in più per scoprire com’è fatta.

20141128_184301

Il servizio è standard per una sala VIP SkyTeam, con un catering abbastanza al di sopra della media e comunque superiore a quello di Alitalia (compagnia che dovrebbe puntare sull’italianità del cibo d’eccellenza, ma vabbè). Non mancano i divani e il posto non è particolarmente affollato. La connessione wi-fi è molto veloce.

Ad una certa ora decido di andare via per dirigermi verso il gate E34, che si presenta così:

20141128_200418

L’aereo è un regional e ad imbarcarci non siamo tantissimi. Vicino a me, durante l’attesa dell’imbarco, un signore che a giudicare dalla carta d’imbarco dovrebbe essere italoamericano ma col quale non scambio parola.

20141128_200423

Dettaglio del tappetino con la scritta “SkyPriority”. Il colore rosso cede il posto ad una tonalità più “deltiana”.

Dopo un po’ l’imbarco inizia e un’addetta molto gentile imbarca i clienti prioritari. L’imbarco è col finger e una volta saliti a bordo ci sistemiamo abbastanza velocemente; il mio posto è il 2A, lo stesso dell’andata. Coincidenza? No, preferisco i finestrini anteriori ma non nutro, a differenza di altri, una profonda ammirazione per la prima fila: mi sistemo dalla 2 in poi è dato che la configurazione della First è 1-2, il posto 2A è proprio l’ideale. Fatto curioso riguardo il volo: il Comandante, col quale ho avuto l’occasione di scambiare qualche parola, ha lo stesso cognome (che non rivelerò per ovvi motivi) di uno dei presidenti degli USA dell’ultimo ventennio.

20141128_202012

Pitch sempre e comunque molto generoso.

20141128_202017

Ma come, non siete ancora decollati e già inizi a riempirti lo stomaco di Coca Cola? La risposta è .

20141128_202023 20141128_204108 20141128_204613

Mezzi aeroportuali in piena attività e dettagli dei vari gate che vedo scorrere durante la fase di taxi out.

20141128_204713

Quello dovrebbe essere un A330 dell’Air France, accompagnato, se non erro, da un altro wide-body della KLM Royal Dutch. Il feederaggio è sicuramente un fattore chiave che mantiene collegamenti aerei del genere, peccato che non ci sia un volo diretto da Fiumicino operato da Alitalia; l’unica opzione praticabile è la Delta, sia da Roma che da Milano-Malpensa. Questo, comunque, ci fa capire che nonostante la sua importanza in Europa e, in parte, nel mondo, l’Italia non movimenta flussi paragonabili a quelli del duo francolandese. Rispetto ai grandi traffici europei, noi siamo periferici.

20141128_204747

“Fly Delta Jets”, dice quell’enorme insegna pubblicitaria rossa. La fase di taxi procede e vedo decollare, prima di noi, vari aeromobili della Delta e in particolare almeno un paio di Boeing 757. Vedo passare anche un Airbus della Frontier, compagnia low cost che conosco appena. Qualche minuto dopo siamo in aria.

20141128_205147

Poco dopo il decollo sentiamo un rumore secco e notiamo una fonte di luce interna alla cabina. Nel giro di qualche secondo realizzo che la porta della lavatory anteriore non è stata chiusa bene e durante il decollo si è spalancata. Gli assistenti di volo risolvono subito il problema e la cosa finisce lì, certo però che quel rumore è stato improvviso e fastidioso anche per chi è abituato a prendere l’aereo molto spesso.

20141128_205249 20141128_205549

Le luci di Atlanta dopo il decollo. Le foto da me postate non sono proprio di alta qualità e quando si tratta di scattare foto di un paesaggio notturno questa pecca si manifesta al 100 per cento. Garantisco, tuttavia, che lo spettacolo era mozzafiato.

20141128_211420

Ogni tanto bevo anche qualche bottiglia d’acqua. Sì, è una battuta. Il volo procede normalmente e la fase finale di discesa verso White Plains permette ai passeggeri seduti in prossimità dei finestrini sinistri di ammirare New York City in tutto, è proprio il caso di dirlo, splendore. Le foto dell’Atlanta di notte erano mozzafiato ma queste dovrebbero esserlo ancora di più; purtroppo, la fotocamera non riesce a rendere lo stesso effetto. La prospettiva è fantastica e decisamente panoramica: con un occhio molto attento si possono notare i vari borough della Grande Mela e gli edifici più importanti. Atterrando di notte al Kennedy o al La Guardia non credo sia possibile avere una simile prospettiva; forse, e dico forse, qualcosa di simile si può sperimentare atterrando a Newark, sempre di notte, arrivando dalla direzione giusta.

20141128_221750 20141128_222406 20141128_222425

Questa chicca è stata inaspettata e scoprire che le foto non hanno la qualità sperata è stato un certo disappunto. Ci lasciamo NYC alle spalle e dopo qualche minuto atterriamo a White Plains, dove i tempi di sbarco sono molto brevi.

20141128_224712

Ciao ciao N131EV! Sarà molto improbabile rivederti, ma mai dire mai!

20141128_225021

Ecco la piccola area di riconsegna bagagli di HPN. Mentre aspetto il mio pezzo, vedo passare l’equipaggio del mio volo, due piloti e due assistenti di volo, che esce in fretta e furia per andare verso l’hotel a loro assegnato. Dopo qualche minuto anch’io mi ritrovo fuori, col mio bagaglio, in attesa del mio parente. Purtroppo, nonostante sia un aeroporto molto comodo per gli abitanti del Westchester, lo scalo di White Plains ha il difetto di non essere ben collegato con mezzi pubblici e di avere policy molto restrittive nei confronti dei tassisti, che possono sostare di fronte all’aerostazione per un tempo molto limitato. Per me, che ho un parente ad aspettarmi a poche decine di metri dall’area di riconsegna bagagli su un’auto di tutto rispetto, non è un grosso problema, ma per chi non ha un appoggio locale i grattacapi non devono essere pochi. Durante il tragitto di ritorno con la macchina noto qualche cumulo di neve in prossimità delle strade, e infatti mi confermano che durante la mia assenza ha nevicato non poco. Un forte contrasto rispetto al bel clima di Atlanta.

Ocean City, Maryland, USA

(galleria work in progress)

20141129_103144 20141129_130656 20141129_130705 20141129_144638 20141129_144715 20141129_173810 20141129_180738 20141130_080715 20141130_081906 20141130_105127

UA3901

Aeroporto di origine: Newark – Liberty (EWR)
Aeroporto di arrivo: Washington – Dulles (IAD)
Distanza tra gli scali: 341km
Compagnia: United (UA)
Aeromobile: Dash 8
Registrazione: N34NG
Nome dell’aereo: –
Classe: First
Posto: 2A (finestrino)
Gate: C101
Bagagli: NO
Ora di partenza prevista: 10:00
Ora di arrivo prevista: 11:23
Ora del decollo: 10:07
Ora dell’atterraggio: 10:55
Tempo di volo: 48min

La prossima tappa del viaggio è l’aeroporto di Washington-Dulles. Esattamente, la metà non è una città specifica, è proprio l’aeroporto internazionale di Washington, in Virginia, presso il quale si trova un museo d’aviazione molto interessante.

Piccola premessa: non molto tempo fa qualcuno, su un forum italiano d’aviazione, aveva detto che il vero hub di New York era lo scalo di Newark, che si trova nel vicino New Jersey. EWR, è questo il suo codice IATA, è ben collegato alla Grande Mela ma per chi conosce le realtà residenziali dello stato di New York, tutto può essere tranne che l’hub di riferimento della zona. Se andate a Manhattan, Newark può essere una buona alternativa al Kennedy, ma se state nelle aree dal Westchester in su, come nel mio caso, arrivarci può essere un incubo, tant’è che passare dalla comodità di White Plains al caos di Newark è stato un mezzo trauma. Molto più difficile da raggiungere dello scalo JFK, e con soluzioni di viaggio che prevedevano a) una donazione di sangue/organi ai tassisti o b) più cambi tra taxi, treni e pullman, per chi sta nel Westchester l’aeroporto Liberty di Newark è forse l’ultimissima tra le opzioni preferite.

Vista la situazione, devo farmi accompagnare con la macchina la mattina presto, prima dell’alba. Ecco come si presenta l’area immediatamente al di fuori dell’aerostazione.

20141201_061936 20141201_061941

Viaggio in classe First con United e questa è l’entrata riservata ai passeggeri premium della compagnia che fa di Newark il suo hub di riferimento per la East Coast.

20141201_062005 20141201_063223

Un po’ di caos mattutino, più che giustificato. Alla fila per i controlli di sicurezza prioritari, un signore americano – il tipico businessman – dice con calma e a voce medio-alta che questa lentezza nei controlli è ingiustificata perché i passeggeri premium, generalmente, non hanno grossi bagagli a mano e i controlli dovrebbero essere fluidi. Ha ragione, ma a me non sembra una questione di inefficienza dei controlli quanto di sovraffollamento dei passeggeri.

20141201_081226

Ecco il bel panorama garantito da una lounge Premier di United.

20141201_081353

Lounge affollata, sì.

20141201_081746

Ma come, niente Coca Cola? Vabbè, un succo ogni tanto ci può stare. Mentre aspetto, faccio il check-in online del volo che prenderò il giorno successivo, poi scoprirete quale…

20141201_091142

Sì, le lounge americane battono in stile quelle italiane. La cosa invita a riflettere, vero?

20141201_091311

Spazi-lavoro dedicati a chi viaggia per lavoro.

20141201_091342

Vasta scelta di riviste e schermi dove monitorare lo status del proprio volo.

20141201_091403

Uscendo dalla lounge per andare al gate, scatto una foto dell’entrata.

20141201_091429

Premio Priority Pass “Lounge of the year 2010”, credo meritatissimo.

20141201_091547

Via verso il gate d’imbarco.

20141201_091722

United Express Dash 8. Ecco il turboelica che mi porterà a Dulles.

20141201_092827

Divisione in file molto complessa, man mano che l’orario d’imbarco diventa imminente il gate inizia ad affollarsi. In Italia, e non lo dico solo per fare una battuta, un gate con divisione in gruppi da 1 a 5 sarebbe improponibile.

20141201_092832 20141201_093649

Eccomi a bordo.

20141201_094019

Pitch generoso anche su United First. Durante le operazioni d’imbarco, l’assistente di volo dell’Economy annuncia ai passeggeri il benvenuto a bordo su un volo diretto a Washington-Reagan, l’altro aeroporto di Washington. La passeggera seduta all’1A, di fronte a me, si preoccupa e parla con la capocabina che sta di fronte a noi. Lei garantisce che il volo è diretto al Dulles, non al Reagan, e rassicura la passeggera dicendo che pur volendo non è possibile atterrare a DCA anziché a IAD. Usa l’interfono per dire alla collega, testualmente, “We’re going to I-A-D!”. Problema risolto, a partire dall’annuncio successivo in poi, si parla solo ed esclusivamente del Dulles.

Durante l’imbarco un signore si siede al corridoio al lato opposto al mio, un tizio vestito bene che non mastica bene l’inglese. Si siede, e durante le operazioni di imbarco passano due signori italiani che parlano con questo passeggero facendo battute sull’essere in First anziché in Economy. No, basta, anche qui? Mi perseguitate, vi siete messi tutti d’accordo… scherzi a parte, dovevano essere passeggeri in transito arrivati da Malpensa e diretti a Washington.

20141201_100636

Taxi out e decollo sul turboelica Dash.

20141201_101159

La rotta è corta e l’aereo non raggiunge mai una quota elevata. Durante la crociera, il rumore delle eliche si sente molto di meno.

20141201_101516

La rivista di bordo United.

20141201_101719

Il volo è corto, si ha sempre l’impressione di volare con le nuvole a fianco. La discesa permette a chi vuole di scattare qualche foto del paesaggio da periferia che caratterizza queste zone. Non è tipico come quello della Georgia, anzi… sembra quasi italiano.

20141201_101731

La serietà e la concentrazione dei passeggeri americani è una caratteristica peculiare. A proposito, anche qui si nota la separazione tra First ed Economy, e il passaggio dalla configurazione 1-2 a quella 2-2.

20141201_102039

Hehe…

20141201_103154

Inizia la discesa, direzione Washington Dulles.

20141201_105239

Che bel fiume, chissà se è il Potomac…

20141201_105742

Atterraggio a IAD con frenata molto ma molto brusca…

20141201_105959

Particolare del motore sinistro durante la fase di taxi in. Arriviamo all’area di parcheggio ma le porte non si aprono, aspettiamo diversi minuti. Il passeggero italiano alla mia destra, col quale sono più che orgoglioso di non aver scambiato nemmeno una parola, inizia a borbottare, magari fiero di portare la cultura dei viaggiatori italiani in giro per il mondo. Però, purtroppo per lui, siamo in un paese serio con persone serie, e nessun altro si lamenta.

20141201_110733

Usciamo dal Dash, una rapida foto all’aeromobile prima di andare via e realizzare cos’è successo…

20141201_110813

Vedete i signori sulla sinistra? Quello seduto è un operatore aeroportuale di terra di ovvie origini asiatiche rimasto ferito poco prima. Un fiume di sangue usciva dalla sua testa, tamponato in parte da un panno bianco poi diventato rosso. Persino il comandante è sceso per assicurarsi che non sia stata una ferita grave. Ascoltando gli altri operatori, credo di aver capito cosa sia successo: aprendo lo sportellino laterale per attaccare il GPU, ground power unit, l’operatore è stato colpito alla testa dallo sportellino stesso, e anche con una certa violenza.

20141201_110854

Uscendo dal finger scatto una foto del concourse in cui ci troviamo…

20141201_110923

…e poi mi giro per scattare un’altra foto dell’aeromobile. I colleghi dell’operatore sono andati in suo soccorso, e credo che il secondo da sinistra sia proprio il comandante del volo. Chissà se il tizio italiano ha visto l’accaduto, e chissà se nonostante tutto ha continuato a borbottare. Non c’è limite all’insensibilità delle persone.

20141201_111338

Una delle caratteristiche del Dulles è il modo in cui i passeggeri si spostano da un terminal all’altro. Dei mezzi speciali parcheggiati a ridosso della struttura caricano i passeggeri e si spostano tra un edificio e l’altro. Sembrano una via di mezzo tra i normali cobus aeroportuali e delle auto da Destruction Derby.

20141201_111842

Procedendo verso gli arrivi, passiamo vicino ad un Airbus della Virgin in fase di pushback.

20141201_112452

L’aeroporto di Dulles è dedicato, appunto, a John Foster Dulles.

20141201_112518

Piccola galleria d’arte presente in aeroporto.

20141201_112548

Gem Gallery, credo dedicata agli impiegati di United e/o di IAD.

Una volta uscito dall’aeroporto, prendo un pullman per uno dei posti più belli al mondo se siete appassionati d’aviazione.

Steven Udvar-Hazy Center, Virginia, USA

(galleria work in progress)

 

20141201_121050 20141201_121243 20141201_121316 20141201_121408 20141201_121450 20141201_121521 20141201_121615 20141201_121651 20141201_122600 20141201_122631 20141201_122704 20141201_122812 20141201_122840 20141201_122859 20141201_124437 20141201_124528 20141201_124624 20141201_124729 20141201_124857 20141201_124927 20141201_125016 20141201_125109 20141201_125318 20141201_125419 20141201_125554 20141201_125840 20141201_125949 20141201_130002 20141201_130021 20141201_130111 20141201_130138 20141201_130237 20141201_130400 20141201_130423 20141201_130453 20141201_130547 20141201_130702 20141201_130730 20141201_130809 20141201_130910 20141201_131642 20141201_131659 20141201_131721 20141201_131734 20141201_131840 20141201_131917 20141201_132121 20141201_132212 20141201_132219 20141201_132944 20141201_133607 20141201_133720 20141201_144016 20141201_144339 20141201_144351 20141201_144355 20141201_144412

20141201_150125 20141201_150230

B61808

Aeroporto di origine: Washington – Dulles (IAD)
Aeroporto di arrivo: New York – Kennedy (JFK)
Distanza tra gli scali: 366km
Compagnia: jetBlue (B6)
Aeromobile: Embraer 190
Registrazione: N198JB
Nome dell’aereo: Big Apple Blue
Classe: Economy (unica disponibile)
Posto: 10D (finestrino), effettivo 8C (corridoio)
Gate: B70
Bagagli: NO
Ora di partenza prevista: 19:40
Ora di arrivo prevista: 21:00
Ora del decollo: 20:05
Ora dell’atterraggio: 20:57
Tempo di volo: 52min

Reduce dalla bella esperienza al Center, ritorno al Dulles e passo i controlli di sicurezza. Ovviamente non potevano mancare due o tre italiani che borbottavano. Ribadisco: basta. Almeno quando sono in vacanza lasciatemi stare!

Aspetto al B70 e assisto, da lontano, ad una strana scena. Se ho capito bene, al gate opposto al nostro c’era un volo in ritardo che poi ha recuperato il ritardo stesso ed è partito. Un paio di passeggeri, due ragazzi intorno ai trent’anni, si sono presentati al gate quando era ormai troppo tardi e hanno perso il volo, dando inizio ad uno spettacolo che si è poi concluso pacificamente (anche perché se qui fai casino arriva la Polizia che prima ti prende a manganellate e poi ti chiede cos’hai fatto).

Ora, per quanto io possa essere un fan di jetBlue, che di low cost ha forse solo il nome, la differenza rispetto alle esperienze di volo precedenti si nota. Innanzitutto, manca una lounge e questo rende l’attesa più “lunga”. Secondariamente, avendo solo la classe Economy disponibile su questa rotta, avrò sicuramente qualcuno al mio fianco e questo ridurrà la percezione del comfort.

L’aereo, un Embraer E190, arriva e parcheggia. Escono i passeggeri del volo in arrivo, tra i quali uno o due piloti di un’altra compagnia, credo American Airlines. Non ricordo bene; è interessante però notare come gli accordi interni permettano ad equipaggi di compagnie diverse di usufruire dei voli per spostare gli equipaggi in base alle esigenze.

Prima dell’imbarco, mentre aspetto, una ragazza bionda seduta per terra di fronte a me si piega e permette ai fortunati (in questo caso soltanto il sottoscritto) di guardare il bel panorama. Un dettaglio poco rilevante, direte voi.

20141201_193943

Avevo preassegnato il posto 10D, un finestrino, e mentre sto per sedermi la ragazza seduta al posto a fianco al mio mi chiede gentilmente di passare al corridoio 8C, posto assegnato alla sua amica. Vorrebbero sedersi insieme ma gli sono capitati due posti separati… le dico che forse dovremmo informare un assistente di volo dell’avvenuto cambio, ma per lei non è il caso. L’altra ragazza si imbarca, mi vede al suo posto, mi ringrazia tanto e va ad occupare il 10D. Al mio fianco, all’8D, una signora mora.

Non starò al finestrino, pazienza, ma volare con jetBlue è uno spettacolo a prescindere da tutto. Lo svantaggio di non avere una lounge e di non poter stare in First è ampiamente compensato dal sistema di intrattenimento di bordo.

20141201_194054

Comando laterale per controllare l’IFE del mio schermo.

20141201_194221

Visualizzo la mappa per scattare una foto dello schermo. Come potete vedere, Dulles è periferico rispetto a Washington, è un po’ quello che Malpensa costituisce per Milano. Reagan, l’aeroporto nazionale, è praticamente in città e non dista molto da Arlington.

20141201_200153

La jetBlue offre, in Economy, i posti più spaziosi d’America. Chi vuole Even More Space, ancora più spazio, può acquistare dei posti dedicati con un seat pitch migliore.

Aspettiamo un po’ prima di partire, credo per traffico aereo (stiamo andando a JFK, credo sia normale), dopodiché decolliamo. Il rumore dei motori dei jet regionali Embraer è caratteristico.

20141201_201537

Tantissimi canali televisivi, musica a go go… che sistema stupendo. Quello dovrebbe essere John Cena un attimo prima di un incontro di wrestling.

Una volta, i passeggeri di un volo jetBlue protagonisti di un incidente sono riusciti a vedere sul sistema di intrattenimento del proprio posto i servizi televisivi esclusivi dedicati al loro volo decollato da Los Angeles e costretto al rientro per un problema al carrello.

20141201_202950

La nostra destinazione è la principale base di jetBlue, il Terminal 5 di JFK.

20141201_203129

Un’assistente di volo molto carina di nome Kristen o Kristin, credo Kristin, serve queste patatine. Nonostante la compagnia sia low cost, il catering di base è gratuito.

20141201_204710

Non manca molto all’arrivo a New York.

20141201_211402

Ecco come si presenta il Terminal 5, considerato il migliore del Kennedy e comunque uno tra i migliori d’America. Dato che ho un volo la mattina successiva, molto presto, non mi faccio venire a prendere e faccio un pit stop presso un hotel del Queens. Fuori dal T5, una fila interminabile di passeggeri in attesa di un taxi, che riuscirò a prendere dopo un’attesa non inferiore ai 45 minuti.

AA1995

Aeroporto di origine: New York – Kennedy (JFK)
Aeroporto di arrivo: Charlotte – Douglas (CLT)
Distanza tra gli scali: 872km
Compagnia: American Airlines (AA) operato da US Airways (US)
Aeromobile: Airbus A321
Registrazione: N543UW
Nome dell’aereo: –
Classe: First
Posto: 2F (finestrino)
Gate: 36 (Terminal 8)
Bagagli: NO
Ora di partenza prevista: 8:15
Ora di arrivo prevista: 10:23
Ora del decollo: 8:43
Ora dell’atterraggio: 10:18
Tempo di volo: 1h 35min

Rieccomi a JFK per un altro viaggio. Una navetta gratuita porta i clienti dell’hotel al Kennedy, facendo vari stop lungo tutta la strada circolare dei vari terminal. Gratuita o no, la mancia all’autista per la sua gentilezza ci sta, sempre.

American Airlines e US Airways, in fase di fusione ormai avanzata, hanno combinato un mezzo “guaio”: il volo è AA, operato da US, e le compagnie hanno fornito due codici di prenotazione e due numeri di biglietto diversi. Per qualche strano motivo, non ho potuto stampare le carte d’imbarco al banco check-in e ho dovuto smanettare ai chioschi self check-in per ottenerle, provando più volte l’uno o l’altro codice.

Il tempo non è tantissimo e bypasso la lounge per andare direttamente al gate.

20141202_065954

La destinazione è Charlotte, uno dei principali hub della US che però vedrà le sue operazioni di lungo raggio ridotte in seguito alla fusione con American. Durante l’attesa, a due o tre gate dal mio una serie di annunci invitano i passeggeri di un volo in overbooking a rinunciare al volo in cambio di un voucher e riprotezione su una frequenza con scalo. Credo che il voucher annunciato fosse di 200 dollari circa.

Sembrava tutto così concitato, anche perché fino all’ultimo al gate hanno atteso passeggeri in transito provenienti da altre destinazioni senza cancellarli per cedere il posto ai passeggeri overbooked.

L’imbarco del nostro volo inizia. Io vado matto per gli Airbus A321 e ammetto anche di regolare le mie prenotazioni anche in base alla presenza o meno di quest’aeromobile, un gigante tra i narrow body. Se, per esempio, posso scegliere tra i voli Alitalia da Lamezia che partono alle 7 e alle 8 del mattino, e il primo è operato da A321, sceglierò quello.

20141202_080406

Ho volato più che altro su A321 Alitalia, ma quelli di US Airways sono avanti. Innanzitutto, hanno una vera classe First con configurazione 2-2 e vere e proprie poltrone, mentre la configurazione in Economy è la classica 3-3. Io credo che chi comanda in Alitalia debba come minimo fare un viaggio su uno di questi aerei per capire cosa significa offrire un servizio all’altezza ai passeggeri premium.

Barriere che separano la First dall’Economy. Ops, si vede anche un ciuffo dei miei capelli.

20141202_081914

Rivista di bordo US che tratta la Georgia che, come già visto, ha uno stile caratteristico.

20141202_083436

Il capocabina, credo con un forte accento del Sud, serve rinfreschi ai passeggeri di First. Prima del decollo l’aeromobile si ferma e il comandante annuncia un po’ di attesa: mancano alcuni dati dal weight and balance office, l’equivalente del nostro ufficio del centraggio, senza i quali ovviamente l’aereo non può decollare. Per me è una cosa inusuale perché da noi nessun aereo sblocca dal parcheggio se i dati del centraggio non sono stati finalizzati e firmati sia dall’agente di rampa che dal comandante. L’America è un altro mondo per chi lavora nel settore dell’aviazione civile.

20141202_084251

Siamo quasi allineati, pronti a lasciare JFK per andare al Douglas di Charlotte, CLT.

20141202_084253

Ci siamo quasi…

20141202_084453

Via, siamo in volo! Questo è il paesaggio tipico del Queens, e il lontananza potete notare la skyline di Manhattan.

20141202_085639 20141202_090231 20141202_090845

Mi improvviso latinista per affermare: Coca Cola biscottisque abbundant in ore viatorum.

20141202_095542

Nuvole, sempre e solo nuvole durante il tragitto. US offre anche una connessione internet (altra cosa da far sapere a chi comanda in Alitalia) ma non ne usufruisco perché ho dormito poco e preferisco riposarmi.

20141202_102126

Ovviamente si capisce che siamo in un hub dominato dal gruppo American Airlines. Ecco a voi Charlotte-Douglas.

20141202_102801

Prima di lasciare l’aeromobile scatto una foto della poltrona di classe First.

20141202_103015

Ecco l’area transiti di CLT. La mia destinazione è il museo d’aviazione della Carolina del Nord e del Sud, non molto distante dallo scalo.

Carolinas’ Aviation Museum, North Carolina, USA

(galleria work in progress)

20141202_110300 20141202_110318 20141202_110406 20141202_110447 20141202_110540 20141202_110555 20141202_110626 20141202_110846 20141202_111007 20141202_111022 20141202_111150 20141202_111156 20141202_111258 20141202_111336 20141202_111421 20141202_111432 20141202_111555 20141202_111610 20141202_111624 20141202_111719 20141202_111956 20141202_112204 20141202_112317 20141202_112453 20141202_113007 20141202_113237 20141202_114731 20141202_115355 20141202_115608 20141202_115642

AA1824

Aeroporto di origine: Charlotte – Douglas (CLT)
Aeroporto di arrivo: New York – Kennedy (JFK)
Distanza tra gli scali: 872km
Compagnia: American Airlines (AA) operato da US Airways (US)
Aeromobile: Airbus A321
Registrazione: N151UW
Nome dell’aereo: –
Classe: First
Posto: 1A (finestrino)
Gate: C06
Bagagli: NO
Ora di partenza prevista: 18:35
Ora di arrivo prevista: 8:30
Ora del decollo: 19:12
Ora dell’atterraggio: 20:29
Tempo di volo: 1h 17min

Che dire, esperienza interessante, non proprio ai livelli del Center di Dulles ma comunque degna di nota. Ritorno al Douglas, per prendere l’aereo che mi riporterà a New York.

20141202_122500 20141202_122506

Qui così come ad Atlanta, ho fatto una gran bella fesseria. Ho una sola foto scattata alla lounge US Airways che, tra l’altro, mostra alcuni aeromobili parcheggiati fuori. Ancora stento a crederci… per fare un paragone, la lounge era molto simile a quella di United già visitata a Newark, con aeree riservate a chi deve lavorare al computer.

20141202_140549

Durante l’attesa vedo atterrare un paio di A330 della US Airways, molto belli, e un aeromobile Lufthansa. Su un articolo letto un paio d’anni prima, avevo appreso che il Douglas ha addirittura due torri di controllo, una delle quali è controllata da US Airways e serve per gestire gli spostamenti degli aeromobili sulla rampa. Nonostante questo, il traffico era molto intenso e ho visto diversi aerei aspettare fermi per qualche minuto prima di procedere col taxi out e decollare. Charlotte non avrà un super aeroporto, ma non si può dire che non è congestionato.

20141202_175447

Dal gate, riesco a scattare una foto all’aereo che mi riporterà a New York, un altro A321.

20141202_183508

Eccomi qui, al posto 1A. Come ho già detto non sono un fan delle prime file, ma nel momento in cui ho fatto il check-in online l’1A era l’unico posto disponibile. Scambio quattro parole col comandante del volo e la capocabina, e mi siedo.

Il volo partirà in ritardo per traffico aereo (Charlotte è già quello che è e il nostro volo è diretto al Kennedy, immaginate il caos). Due passeggeri con coincidenza per Doha, credo operata da Qatar, sono stati fatti sbarcare perché avrebbero sicuramente perso la loro coincidenza. A loro è stata garantita la riprotezione via Londra (probabilmente Heathrow), e ciò ha comportato qualche minuto di attesa exra per permettere agli operatori di trovare i bagagli dei due passeggeri e rimuoverli. Entrambi i passeggeri erano in First, a pochi passi da me.

20141202_183524

Guardando verso avanti vedo questo. Non è proprio il massimo, ma è opportuno notare che con la fusione tra US e AA, il logo US presto diventerà storico.

20141202_190552 20141202_201430

Foto di pessima, anzi pessissima qualità, lo riconosco. Ma tra il cellulare che non era proprio al top e la luminosità, il risultato è questo.

20141202_204635

Allo sbarco, scatto questa foto del sedile 1A.

20141202_205742 20141202_205934

Arrivato a New York JFK T8, prima di uscire, scatto un paio di foto a queste opere artistiche molto carine. Come prevedibile, là fuori il traffico era inaudito e ho dovuto aspettare un bel po’ prima che il mio parente mi venisse a prendere per portarmi nuovamente nel Westchester.

AZ611

Aeroporto di origine: New York – Kennedy (JFK)
Aeroporto di arrivo: Roma – Fiumicino (FCO)
Distanza tra gli scali: 6873km
Compagnia: Alitalia (AZ)
Aeromobile: Airbus A330
Registrazione: EI-EJM
Nome dell’aereo: Giovanni Battista Tiepolo (livrea speciale: Expo Milano 2015)
Classe: Business
Posto: 4A
Gate: 03 (Terminal 1)
Bagagli: 3/40kg
Ora di partenza prevista: 22:00
Ora di arrivo prevista: 12:35
Ora del decollo: 22:25
Ora dell’atterraggio: 12:09
Tempo di volo: 7h 44min

Rieccomi al T1 di New York per ripartire e tornare in Italia, sicuro come al solito che è solo questione di mesi prima di tornare nuovamente qui.

10461619_826763194012935_7348964230350215573_n

Arrivo decisamente presto e i passeggeri al check-in sono pochi. Io vado al desk SkyPriority e lascio i miei tre bagagli con peso complessivo di 40kg. Questa volta l’addetta al check-in conosce bene la mia franchigia.

10846347_826763260679595_4667391335170686005_n

Il Terminal 1 di JFK non è proprio all’altezza delle compagnie che vi operano, ma qualche miglioramento c’è stato. A partire dalla segnaletica, per esempio.

10380974_826764420679479_4800599024007900215_n

Dalla lounge Michelangelo riesco a scattare una foto di EI-EJM, l’A330 con livrea speciale dell’Expo che opererà il mio volo.

10686644_826764437346144_6620675578808165653_n

Non ho mai capito a cosa servono questi schermi, mai trovati accesi.

Coincidenza delle coincidenze, mi rendo conto – ma ormai è troppo tardi – che un amico blogger si trovava nella lounge Air France a poche decine di metri dalla Michelangelo. Non siamo riusciti a salutarci, purtroppo. Certo che è stata un’occasione davvero particolare dato che nessuno dei due era al corrente della presenza dell’altro a New York, men che meno della presenza a JFK proprio in quel momento.

10475263_826765177346070_1299873042973256530_n

Si ritorna in Business! Le operazioni d’imbarco in Magnifica sono sempre fluide e scorrevoli, c’è tanto spazio pro capite ed è molto difficile incrociare un altro passeggero.

10850012_826765207346067_8975333968624587031_n

Siete riusciti a cogliere il dettaglio? Pollice all’insù con la mano destra, cellulare con la sinistra.

10172607_826765374012717_1652187812734071119_n

Come quasi tutti sanno, al ritorno serve meno tempo. Un po’ per il jet stream che facilita il volo, un po’ per la rotta, più morbida.

10388087_826765450679376_4453961217226862661_n

Mai dire di no agli assistenti di volo che preparano il tavolino per servire il pasto, mai.

10814_826765490679372_3576023462323328837_n 10689631_826765520679369_1381786897248970546_n

Un bel salto di qualità rispetto alle cose mangiate e bevute durante i voli domestici in America, giusto?

10690258_826765544012700_1266373679784377329_n

Durante il volo, ne approfitto per guardare il remake de Il Pianeta delle Scimmie. Ho visto al cinema il seguito di questo remake, e pur conoscendo la storia, qualche tassello mancava e ho deciso di riempirlo. Bel film, molto psicologico, nonostante il finale sia scontato praticamente dal principio.

10343003_826765624012692_8232453305154558552_n

Momento folle: mentre tutti dormono attivo il flash per scattare questa foto che non ha molto senso.

10849853_826765647346023_3672491659304874162_n

A poco più di cinque ore dalla partenza, la rotta diventa più diretta e andiamo verso Fiumicino. Come al solito, sorvoleremo la Francia e prima dell’arrivo prenderemo la colazione.

10153640_826765667346021_7559603471808100105_n

Ci siamo quasi, siamo a meno di 430 miglia da Roma.

10848022_826765704012684_6931881345885934352_n

Anche qui, distesa di nuvole su nuvole…

10847912_826765757346012_7650796130149537299_n

Ormai manca poco, la luce del Sole rianima l’ambiente dopo il volo notturno.

10846214_826765837346004_8360408499564064892_n

A bassa quota il paesaggio laziale che si può ammirare è questo.

10599198_826766324012622_2208545640023444837_n

Ci siamo quasi, manca poco al tocco.

10848022_826766337345954_9138885196861989458_n

Sorpresa, parcheggiamo ai remoti. Questo renderà lo sbarco un po’ più scomodo, ma c’è anche un piccolo vantaggio: potrò scattare delle bellissime foto dell’aereo con livrea Expo Milano 2015. L’annuncio fatto a bordo specifica che per i passeggeri di classe Business è previsto un cobus dedicato per lo sbarco.

10432153_826766364012618_1930051134998005052_n 10434215_826766380679283_6131469441612273158_n 10351245_826766427345945_6338528596523780134_n

EI-EJM in tutto il suo splendore! Ora è giunto il momento di prendere la coincidenza per Lamezia…

AZ1171

Aeroporto di origine: Roma – Fiumicino (FCO)
Aeroporto di arrivo: Lamezia Terme – Sant’Eufemia (SUF)
Distanza tra gli scali: 469km
Compagnia: Alitalia (AZ)
Aeromobile: Airbus A320
Registrazione: I-BIKI
Nome dell’aereo: Girolamo Frescobaldi
Classe: Economy (unica disponibile)
Posto: 4F
Gate: B15
Bagagli: 3/40kg (in transito da volo precedente)
Ora di partenza prevista: 14:45
Ora di arrivo prevista: 15:55
Ora del decollo: 17:24
Ora dell’atterraggio: 18:06
Tempo di volo: 42min

Decido di aspettare alla Borromini ma col senno di poi sarei potuto andare alla Dolce Vita, a breve capirete il motivo.

10805829_826766987345889_7449973223023590424_n

Commetto l’errore di andare al gate come se il mio volo fosse in orario…

10403710_827701573919097_2786788054658023184_n

…e trovo il cosiddetto Chaos nella sua personificazione multipla. Le operazioni di imbarco sono tutte bloccate causa maltempo. Nonostante la lunga attesa, decido comunque di aspettare lì.

10850321_827701637252424_3760753180858441574_n

Alla fine l’imbarco inizia e ci dirigiamo verso un parcheggio remoto. Rispetto al volo precedente, la differenza è veramente abissale.

10847638_827701713919083_7934127439467779723_o

Praticamente sono le stesse persone con le quali avrò a che fare in aeroporto.

10624594_827701823919072_7139755658608304540_n

Il nostro compagno di parcheggio, EI-IMI con livrea speciale del Friuli Venezia Giulia, ormai riverniciato. Bella livrea, vista da vicino più di una volta sia come passeggero che come addetto.

10659176_827701863919068_7789365706405924191_n

Cielo da scenario post-apocalittico, ma comunque bello da vedere. Merita decisamente una foto. C’è anche un addetto che fa cucù.

10414425_827701913919063_3008064824410346653_n

Un attimo prima di salire a bordo, sento il dovere morale di scattare questa foto per tramandarla ai posteri. Gioco di luci molto bello.

10425472_827702153919039_5445912243487756669_n

Venendo da un volo intercontinentale operato da EI-EJM, vedere questo logo vicino alla porta anteriore dell’Airbus sembra quasi aprire un continuum spazio-temporale.

10639715_827702240585697_4594460965049442455_n

Ma perché Alitalia non introduce una First domestica all’americana? Perché, perché, perché?

10402058_827702273919027_1130679644258129905_n

Alla nostra sinistra avevamo EI-IMI, alla nostra destra un Embraer e altri Airbus. Partiamo finalmente, e come accade puntualmente dopo un volo intercontinentale mi annoio da morire.

10647214_827702573918997_2630521412224840254_n

A Lamezia è già buio quando arriviamo. A fianco a noi un Boeing 737 della Ryanair.

10410683_827702613918993_5398256838735143572_n

Andando agli arrivi noto per la prima volta questo cobus promozionale che riprende lo stesso stile usato sugli aerei Alitalia con livree speciali calabresi.

Il viaggio finisce, e subito dopo inizia il calvario…

Annunci

Informazioni su lightbluemobius

The Lightblue Ribbon coordinator and founder.
Questa voce è stata pubblicata in Turismo e Trip Report e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.